The leading Crowdfunding consultancy

Ignition Deck – Un’intervista con Nathan Hangen

Il DIY Crowdfunding sta diventando una scelta sempre più popolare per coloro che decidono di raccogliere fondi per un’organizzazione o un progetto. In questo processo, i crowdfunder scelgono di ospitare la campagna su un proprio sito piuttosto che usare una delle popolari piattaforme di crowdfunding. Man mano che le organizzazioni comprendono più a fondo il valore del proprio capitale relazionale e sociale, questa scelta diventerà sempre più popolare, e già sta emergendo un’industria che fornisce strumenti e servizi che aiutano a rendere ciò possibile. In prima fila troviamo  al momento un plugin di WordPress chiamato Ignition Deck, sviluppato da Virtuous Giant. E’ uno strumento sempre più sofisticato che ha già aiutato a raccogliere svariati milioni di dollari per migliaia di progetti. Abbiamo avuto l’opportunità di parlare con il co-founder di Virtuous Giant, Nathan Hangen, e gli abbiamo chiesto di parlarci del passato, presente e futuro di Ignition Deck.

Abbiamo registrato l’intervista e la mettiamo qui a vostra disposizione in podcast, MP3 o in streaming. La trascrizione dell’intervista è disponibile in fondo.

Presto pubblicheremo un report che andrà ad esplorare il settore del DIY crowdfunding. Se volete essere informati della pubblicazione, contattateci.

 

 

Trascrizione

TW
Buon Pomeriggio Nathan

NH
Ciao come va ?

TW
Bene, anche se lì è mattina, vero ?

NH
Si – quasi pomeriggio

TW
Nathan sei basato in Florida, giusto?

NH
Si, circa 20 minuti fuori Tampa

TW
Bene, e sei coinvolto in vari progetti – Virtuous Giant è uno di questi ed è da Virtuous Giant che proviene IgnitionDeck, vero?

NH
Esatto. Virtuous Giant è un progetto fatto con il mio amico e business partner Shawn Christenson – che vive ad Alberta in Canada. Abbiamo iniziato molto tempo fa in realtà a lavorare su applicazioni per iPhone.

TW
E poi avete deciso di creare IgnitionDeck . Qual è stata la filosofia che ha ispirato la produzione di IgnitionDeck, cosa vi ha portato su questa strada?

NH
Beh, avevamo un paio di giochi e applicazioni per iPhone che stavano andando bene e un progetto di gioco per iPad e con un altro amico musicista che era in California avevamo pensato di creare insieme il gioco per iPad. Poi abbiamo sentito parlare di crowdfunding e abbiamo pensato di lanciare una campagna su Kickstarter, ho iniziato il processo di sottomissione del progetto, sono arrivato circa a metà strada ma qualcosa nel processo non mi convinceva. Così ho pensato di cercare una soluzione per crowdfunding su WordPress – in pratica un Kickstarter per wordpress, ma non esisteva! Così abbiamo accantonato l’idea per un po’ e siamo andati in giro per il Paese cercando di raccogliere fondi per il gioco, ma non ha funzionato. Così siamo tornati e abbiamo pensato di cercare di nuovo quella soluzione, che ancora non esisteva e quindi a quel punto l’abbiamo costruita noi. In realtà, all’epoca, poiché stavo facendo molta roba in iOS, ho assunto uno sviluppatore per aiutarci a costruire qualcosa che potevamo usare per noi, per raccogliere fondi per il gioco, e alla fine abbiamo ricevuto così tanto interesse che è cambiato un po’ tutto, e quindi il gioco non ha mai visto la luce del giorno.

TW
Bene, quindi sarà per un altro giorno?

NH
Si

TW
Allora, quando è diventato disponibile IgnitionDeck, da quale data la gente ha iniziato a usarlo?

NH
Abbiamo lanciato una beta molto approssimativa e di base a ottobre 2011

TW
Bene, e qual è stata la risposta ?

NH
Abbiamo avuto un bel po’ di interesse iniziale. Avevamo un piccolo modulo di iscrizione via e-mail e la gente poteva iscriversi prima del lancio e penso che abbiamo avuto forse 200 persone in lista prima del lancio e direi che oltre il 50 % di queste ha poi acquistato il plugin con uno sconto per la versione beta. E da allora abbiamo guadagnato terreno ogni singolo mese. Ci è voluto un po’ più di un anno per arrivare ai nostri primi 1000 clienti, dopodiché è iniziato l’effetto valanga.

TW
Quanto è grande la base utenti ora – hai qualche idea ?

NH
E’  tra i 2500 -3000 con il nostro prodotto di base e alcuni dei nostri temi

TW
Incredibile, e hai detto che avete esteso il prodotto e ora include alcuni temi in modo da poterlo presentare in modi diversi, ed è presente una gamma di estensioni anche, vero?

NH
Sì. Avevamo pensato di costruire solo questo plugin e finirla lì. Volevamo venderlo e sostenerlo, e passare ad altre cose. Ma la gente continuava a chiedere sempre più caratteristiche e, come sai, il crowdfunding è un settore che sta cambiando ogni giorno e crescendo molto rapidamente. Quindi cose come gli “stretch goal”*, la comunità lo aveva creato al volo su Kickstarter, così abbiamo pensato di aggiungere un’estensione per gli stretch goals e i gateway aggiuntivi, e continueremo ad ascoltare gli utenti e a cercare di costruire cose che abbiano senso. Non le mettiamo nel prodotto di base, perché non vogliamo appesantirlo, ma ci piace aggiungere cose.

*Uno stretch goal è un target di finanziamento superiore a quello originario impostato dal creatore del progetto su Kickstarter, solitamente quando la raccolta supera le aspettative. Indipendentemente dal raggiungimento del nuovo “stretched” target, al termine della campagna i soldi vengono raccolti se è stato raggiunto il target “ufficiale” impostato originariamente.

TW
E questi servizi di terze parti, come Stripe, e Bitcoin e Constant Contact e alcuni nomi importanti tra i servizi associati e le funzioni del crowdfunding..Vengono loro da voi o andate voi da loro?

NH
Beh per la maggior parte si tratta di richieste del cliente tramite i nostri moduli di contatto che dicono “Avete mai pensato di integrare con questo … ?” E aspettiamo che più persone dicano la stessa cosa e se sono in molte a dirlo noi lo costruiamo. Oppure, mi piace molto Stripe che ha un’ API eccezionale e quindi ho deciso di utilizzare proprio quello. Quindi, la maggior parte sono richieste dai clienti su un periodo di un paio di mesi, ma se vediamo un bel prodotto o sistema di pagamento andiamo a costruirlo.

TW
Tornando alla vostra base utenti, vendete principalmente negli Stati Uniti o sapete che il vostro prodotto va oltre ed è utilizzato in tutte le altre aree geografiche ?

NH
Beh, questa è una delle cose che ci piacciono davvero di quello che stiamo facendo. Infatti, abbiamo una grande base utenti internazionale, a questo punto potrei anche tirar fuori una mappa. Gli Stati Uniti e il Nord America costituiscono circa la metà della nostra base, ma ne abbiamo un bel po’ anche in Europa e  in Asia. Ci piacerebbe fare un po ‘ di internazionalizzazione del nostro sito e migliorarlo in questo senso, ma siamo ovunque, in 93 paesi in questo momento.

TW
Siete molto presenti nel Regno Unito?

NH
Abbastanza. Forse il 30 – 40 % della nostra base utenti è nel Regno Unito

TW
Incredibile – e avete un’idea della quantità di denaro che è stato raccolto attraverso il vostro straordinario plug-in? Certo che, ovviamente, avete avuto un cliente di altissimo profilo e di straordinario successo come Star Citizen, ma al di là di questo, avete un’idea del denaro che sta generando per le persone ?

NH
Beh, varia molto. Abbiamo alcune band che lo hanno utilizzato per raccogliere $ 3000 o fare un album di $ 5000. Abbiamo un programma open source chiamato Analytics Piwick che fa crowdfunding per ogni funzione, una alla volta, e ciascuna di esse è di poche migliaia di euro. Poi abbiamo un documentario chiamato Sirius che ha raccolto 3 o $ 400.000. Il gioco Precinct aveva utilizzato Kickstarter e poi ha utilizzato IgnitionDeck per raccogliere un paio di centinaia di migliaia di dollari. E ci stiamo preparando a lanciare un progetto chiamato SkiNation con un team di olimpionici e sciatori X-Games che stanno costruendo un’app per gli sciatori e stanno cercando di raccogliere circa 300.000 $, quindi è davvero ovunque ora.

TW
E’ straordinario e hai accennato a questa idea di persone che portano avanti una campagna su un’altra piattaforma come Kickstarter e dopo abbandonano e ne gestiscono un’altra. Anche Star Citizen ha fatto lo stesso percorso, avendo raccolto una buona somma su una delle più grandi piattaforme, e ora sta usando IgnitionDeck. Secondo la tua esperienza, è qualcosa sempre più comune o le persone semplicemente iniziano da zero con IgnitionDeck dicendo che porteranno avanti la campagna solo in DIY?

NH
Beh stiamo assistendo ad un mix delle due cose.  Star Citizen, per esempio, aveva iniziato con IgnitionDeck, poi è andato su Kickstarter e poi è tornato indietro. Molti fan avevano detto di voler usare anche Kickstarter, che ha un’enorme base utenti, quindi penso che sia intelligente provare lì, e le persone sembrano avere più successo quando a) lanciano simultaneamente utilizzando Kickstarter e IgnitionDeck per donazioni Paypal o b) hanno già un pubblico e non hanno bisogno di Kickstarter o se è il loro secondo crowdfunding non hanno davvero bisogno di dare via il 5% ma possono semplicemente prendere la loro mailing list e lanciare su IgnitionDeck. O hanno una campagna Kickstarter di successo, ma vogliono continuare a raccogliere fondi e IgnitionDeck è particolarmente adatto per questo e l’abbiamo visto spesso.

TW
E IgnitionDeck consente di soddisfare molti modelli diversi di crowdfunding, come il “take it all” e l'”all or nothing”, ma sembra che siate anche in grado di ospitare la maggior parte delle configurazioni all’interno di un modello di crowdfunding.

NH
Esatto. Abbiamo iniziato a un livello base, poi abbiamo offerto un “paga quello che vuoi “, perché questa è un’altra cosa che la gente chiedeva. E naturalmente ora il grande protagonista è l’equity e molte persone ci chiedono come fare equity o qualcosa che vada oltre in denaro e stiamo cercando di capire come affrontarlo. Ma davvero vogliamo essere uno strumento che la gente può usare per qualsiasi cosa stia cercando di fare. Pensiamo che più opzioni offriamo alla gente, più utili diventiamo . Ci sentiamo coinvolti, perché siamo imprenditori e abbiamo sviluppato il plugin perché avevamo bisogno di raccogliere fondi , quindi in qualsiasi modo possiamo aiutare altri imprenditori lo faremo.

TW
Allora raccontaci un po’ la storia di Star Citizen.

NH
E’ una grande storia. Chris è venuto da noi forse 6-8 mesi prima del lancio, stavano cercando qualcosa. Non volevano usare Kickstarter perché a loro piace fare le cose a modo loro – come a molti altri clienti – e quindi non volevano prendere una via tradizionale e abbiamo lavorato con loro per circa 6 mesi per costruire un piattaforma ad hoc. All’epoca IgnitionDeck era molto giovane e abbiamo costruito alcuni sistemi di pagamento personalizzati per loro e il tutto è stato personalizzato, e Chris è un ragazzo intelligente e sa quello che vuole così ha avuto un sacco di richieste e abbiamo costruito in base a tali richieste . E una volta che abbiamo finalmente lanciato, il primo giorno dal palco ha dato il link e ha ottenuto così tanto traffico che il sito è saltato! Quindi ci fu un periodo nella prima settimana in cui la nostra squadra non ha dormito per più giorni di seguito. E’ stato piuttosto intenso . Ma abbiamo ottenuto il backup e la migrazione del sito e abbiamo continuato a migliorare. Naturalmente ha raggiunto il suo obiettivo, che era tra 6 e 8 milioni di dollari, e ha continuato a usare IgnitionDeck anche dopo che la campagna era finita. Ora ha raggiunto i $ 14 milioni e da quel punto si è trasferito e ha cominciato a costruire un sistema in grado di integrarsi con il loro gioco. Ma il totale raccolto prima di trasferirsi è stato di circa 14 milioni di dollari, che è piuttosto impressionante.

TW
Sì, molto bene. Quindi, a livello tecnico come funziona? Si installa il plugin sul vostro sito WordPress e poi si utilizzano alcuni dei vostri sistemi di pagamento o vi salta completamente e va diretto ai fornitori di sistemi?

NH
Ci bypassa completamente . E ‘stata una decisione che abbiamo preso nella fase iniziale, non volevamo essere un intermediario, non vogliamo essere in mezzo, anche se molta gente ha suggerito che lo facciamo. Ma in questo momento non è una cosa che ci interessa, pertanto si scarica il plugin e si ottengono le estensioni tipo Stripe payments o WePay o Constant Contact, lo si installa come qualsiasi altro plugin di wordpress e va dritto al gateway. In questo modo si trattengono tutti i soldi, a parte le fee che fanno pagare.

TW
E quali pensi che siano le motivazioni che spingono le persone a prendere il percorso “fai da te” ?

NH
Penso che ce ne siano molte. Penso che, prima di tutto, io conosco molte persone che pensavano di poter andare su Kickstarter perché è popolare e perché tutti sanno cos’è e mettendo lì il loro progetto veniva scoperto e avrebbe attratto molto traffico, ma non funziona in questo modo. Kickstarter non si fa un grosso problema per le persone che falliscono con i loro progetti, ma ce ne sono molte, e quando succede il fallimento distrugge davvero le persone. Penso che una delle cose belle di IgnitionDeck è che non c’è bisogno di passare attraverso un processo di selezione, si può semplicemente iniziare subito, creare le proprie regole e raccogliere fondi per tutto il tempo che si vuole. Se non si raggiunge l’obiettivo è possibile modificare il progetto e farlo di nuovo , e se è necessario estendere la scadenza è possibile farlo. Noi non incoraggiamo tutto ciò che non è etico , ma la gente può portare avanti i progetti come crede e la piattaforma è proprio adatta a questo, soprattutto quando non si deve pagare un extra 5 % – perché pagarlo se non è necessario?

TW

Quindi, dimmi, quanto costa attualmente ?

NH
In questo momento IgnitionDeck costa $ 79 per aggiornamenti e supporto per un anno e si possono avere tutte le estensioni per 20 dollari al mese . Ma per il resto si va da circa 19 a circa 49 dollari per i gateway di pagamento e lì sono tutte licenze annuali. Inoltre stiamo lanciando un prodotto enterprise chiamato IgnitionDeck Eenterprise e che costa $ 199 nel periodo di pre-order – che è ora – e alla fine costerà $ 499. Abbiamo avuto molte richieste di persone che vogliono costruire il proprio prodotto white label o piattaforma e noi non vogliamo costruirlo nel prodotto di base, perché magari dal punto di vista tecnico avremmo potuto farlo funzionare, ma nel back-end non sarebbe stato bello e abbiamo voluto lasciare il nostro prodotto principale a fare quello che fa. Così IgnitionDeck Enterprise sarà fondamentalmente una piattaforma white label che permetterà di lavorare su un multisite WordPress. Inoltre è possibile avere un sito di membership o qualcosa di simile . Avrà Stripe connect che permetterà di aggiungere una fee o una tassa su ogni pagamento che entra, permetterà alle persone di presentare progetti dal front-end e un amministratore può approvarle. Avrà l’integrazione con FirstGiving, davvero grande con gli enti di beneficenza, poiché le donazioni passano direttamente attraverso quello e non tramite un intermediario, il che è importante quando si tratta di quel tipo di attività e di flusso di cassa. Quindi cose del genere, e abbiamo intenzione di continuare su quello che riteniamo opportuno. Ma fondamentalmente sarà disegnato per progetti multipli o per gestire una piattaforma, piuttosto che un progetto singolo.

TW
E per quando se ne prevede il lancio?

NH
Beh, se vai su ignitiondeck.com e Fund the Future, quella è la nostra pagina che prende i pagamenti e più interesse otteniamo attraverso i pre-ordini più rapidamente lo costruiremo. Ma nel peggiore dei casi sarà alla fine di questo anno, nel migliore questo autunno

TW
Bene. Hai la sensazione che ci sia un settore particolare che è più propenso al DIY o è come per la maggiorparte del crowdfunding, su tutta la linea ?

NH
E’ difficile da dire. E ‘fantastico per beneficenza e organizzazioni non profit , perché una cosa è chiedere donazioni e una cosa è portare avanti campagne. Loro l’hanno fatto per molto tempo, un po’ come veniva, ma ora ci sono strumenti per farlo . Quindi penso che li aiuterà. Credo che sarà più complicato per l’hardware in quanto vediamo molte società di hardware in questi giorni che non hanno la loro produzione allineata correttamente e credo, con l’eccezione di pochi, che torneranno a cercare di nuovo venture capital e banche di investimento e prestiti. Sono davvero curioso e entusiasta di ciò che può fare per artisti e creativi, quindi un musicista – se ti piace la loro musica – ti permette di fare un album insieme (ai tuoi fan). O con un autore, che potrebbe scrivere il capitolo di un libro e la gente si entusiasma e vuole vedere il libro intero. Quindi penso che sarà utile soprattutto con le cose in cui le overhead sono basse. Sulla strada, perché in realtà non ci vuole molto, non hai bisogno di costruire un prototipo. È possibile registrare una canzone o scrivere un capitolo per il tuo libro o dipingere qualcosa, penso che sia un po’ più facile in questo modo.

TW
Va bene. Quindi quali sono, per voi, gli aspetti positivi e quali gli aspetti negativi di fare DIY crowdfunding piuttosto che andare su una delle piattaforme ?

NH
Penso che se si ha intenzione di farlo da soli, si ha realmente bisogno di essere preparati. Noi lavoriamo con molti clienti che di solito finiscono bene. Ma vengono a volte solo pensando che stanno per fare crowdfunding e ne hanno una vaga idea, ma ci si deve dedicare davvero tantissimo tempo. E questa è una delle cose che l’applicazione Kickstarter fa, aiuta a perfezionare la campagna in base a ciò che funziona sulla loro piattaforma. Quindi, se avete intenzione di farlo da soli, bisognerebbe studiare ciò che funziona bene ovunque, e non fa mai male avere già una base sui social media o mailing list. Le persone di maggior successo con il nostro prodotto hanno già social media o mailing list e penso che sia importante. È possibile avviare una campagna e lasciarla andare lentamente, ma bisogna continuare a lavorare . Ma se non si dispone di un pubblico, è da sciocchi aspettarsi che in 30 giorni si avrà il denaro, a meno che non si ottiene un aiuto dalla stampa o qualcosa di simile.

TW
Sottolineiamo molto questo aspetto. Molto del nostro lavoro consiste nell’aiutare le persone a prepararsi per le campagne di crowdfunding. Non gestiamo la campagna per loro, anzi pensiamo che sia sbagliato, ma la preparazione è chiave e guidiamo le persone attraverso quello che chiamiamo il processo TAMP per prepararli per la loro campagna. Penso che molti di loro, prima di farlo, non si rendano conto di quante cose vanno prese in considerazione e quanto lavoro bisogna fare per preparare bene il terreno per una campagna di successo, in particolare se si tratta di una grande somma.

NH

Assolutamente, una delle cose del crowdfunfing, e questo è uno dei motivi per i quali sono un po’ cauto con l’equity crowdfunding,  è che una cosa è rendere conto agli investitori ma i clienti sono molto più dogmatici, nel bene e nel male. Possono ricercare tutto quello che vogliono su di te, ti faranno domande che non avete mai sentito prima e vogliono sapere tutto, e se non si hanno risposte, sarà difficile costruire la fiducia. E l’altra cosa che si nota è che le campagne di successo offrono aggiornamenti molto spesso durante la campagna mentre spesso le persone pensano di poter semplicemente compilare il form e il denaro arriverà. Ma vogliono aggiornamenti e vogliono sapere cosa sta succedendo e un’altra cosa è che non si riesce a lavorare al prodotto durante la campagna perché si è così occupati con la comunicazione.

TW
Quindi cosa verrà ora per IgnitionDeck ? Ovviamente avete la soluzione enterprise che vi terrà impegnati, ma ci sono altre estensioni che pubblicherete, e che tipo di sguardo al futuro ci puoi offrire?

NH
Beh, come ho già detto sulla pagina Fund the Future stiamo prendendo pre-ordini per le estensioni quindi dipende da cosa viene fuori per primo, ma Amazon payments sta ricevendo richieste di pagamenti, Ideal payments che è popolare nei Paesi Bassi, Paymill che è un gateway popolare in Europa – molto simile a Stripe, quindi queste sono alcune delle cose su cui stiamo lavorando . Stiamo anche preparandoci a rilasciare un plugin di membership per WordPress chiamato Member Deck che funzionerà sostanzialmente da solo e verrà incluso in IgnitionDeck Enterprise , ma se si desidera utilizzare IgnitionDeck con la membership ha una integrazione con IgnitionDeck . Lo lanceremo questo mese . Ciò che vogliamo veramente fare è costruire strumenti che aiutino gli imprenditori e così curiamo i pagamenti, abbiamo molte delle cose base fatte, quello che vogliamo fare è costruire una grande esperienza lavorando sui temi e vogliamo costruire potenti strumenti analitici e di comunicazione così la gente può conoscere il proprio pubblico e sfruttarlo al massimo. Così, per esempio, hai appena finito su Kickstarter ed hai questo file CSV con tutti i donatori – che cosa farne? Vogliamo aiutare le persone in quella situazione e questo ci porterà al livello successivo .

TW
Quindi strumenti di CRM in cui inserirsi con plugin in modo da poter fare up-sell e cros -sell e tutta quella roba?

NH
Esattamente – per aiutare le persone a costruire un vero e proprio business e parte di ciò è prendere pre-ordini quindi stiamo lavorando su questo.

TW
Bene, grazie Nathan, è stato un piacere fare questa chiacchierata. Grazie per aver trovato il tempo di dirci qualcosa in più su IgnitionDeck

NH
Grazie a te, Tim